Get a site

Home - Messaggi - Maestri - Autori - Arcana Arcanorum - Corpus Magiae - Biblioteca - Dossier - Napoli - ReligioniLuoghiVitriol - Miscellanea - Filmati

 

 

 

Una ricerca a cura di IniziazioneAntica

 
 
Massimo Introvigne, nato a Roma il 14 giugno 1955, è un sociologo e saggista italiano. È il fondatore e direttore del Centro Studi sulle Nuove Religioni CESNUR, una rete internazionale di studiosi di nuovi movimenti religiosi e dal 5 gennaio al 31 dicembre 2011 ha avuto nell'ambito dell'OSCE (Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa) il ruolo di Rappresentante per la lotta contro il razzismo, la xenofobia e la discriminazione, con un'attenzione particolare alla discriminazione contro i cristiani e i membri di altre religioni. Dal giugno 2012 è coordinatore dell'Osservatorio della Libertà Religiosa costituito dal Ministero degli Esteri italiano in collaborazione con Roma Capitale.
Introvigne è membro della sezione di Sociologia della Religione dell'Associazione Italiana di Sociologia ed è autore di oltre sessanta libri, tra i quali l'Enciclopedia delle religioni in Italia, e centinaia di articoli nel campo della sociologia della religione, é anche consulente in materia di proprietà industriale, specializzato in proprietà intellettuale.
Gli interessi di Massimo Introvigne per le religioni non cristiane risalgono alla giovinezza e alla lettura di romanzi d'avventura di autori come Emilio Salgari, Rudyard Kipling e Luigi Ugolini, nei quali erano descritti l'Induismo, l'Islam e altre religioni allora poco conosciute in Italia. Anche l'enciclopedia a dispense Le grandi religioni del mondo, pubblicata nel 1964 dall'editore Rizzoli, che acquistava devotamente in edicola all'età di nove anni, ha esercitato su di lui, secondo quanto riferisce nella relazione citata, un'influenza duratura.
Decisiva per la maturazione dei suoi interessi è poi, secondo la stessa fonte, la frequentazione del liceo presso una scuola torinese intellettualmente stimolante, l'Istituto sociale retto dai Gesuiti negli anni 1970-1973. Sono anni di vigoroso dibattito politico e religioso, e Introvigne frequenta l'Istituto Sociale negli stessi anni di Piero Fassino, di Michele Vietti (di cui sposerà la cugina, la studiosa dell'Islam Silvia Scaranari) e di altre future personalità della politica e della cultura. Durante gli anni di studio all'Istituto Sociale, conosce nel 1972 Alleanza Cattolica, un'associazione di laici della Chiesa cattolica alla quale aderisce e in cui, fin da allora, ha continuativamente militato.
Ha in seguito conseguito un baccellierato in Filosofia presso la Pontificia Università Gregoriana e la laurea in Giurisprudenza presso l'Università di Torino. Durante gli anni della Gregoriana soggiorna, da laico, presso l'Almo collegio Capranica, dove ha come compagni fra gli altri l'attuale arcivescovo Salvatore Fisichella e l'attuale vescovo di Latina, già segretario della Conferenza Episcopale Italiana, monsignor Mariano Crociata, nonché numerosi altri ecclesiastici che occupano oggi ruoli di rilievo nella Chiesa cattolica.
Durante i propri studi Introvigne ha raccolto una grande collezione di libri riguardanti studi sulle religioni minori, l'esoterismo e lo gnosticismo. I volumipiù di 60.000, sono resi disponibili al pubblico attraverso la biblioteca del CESNUR, il centro internazionale da lui fondato nel 1988 che riunisce specialisti accademici di minoranze religiose di tutto il mondo.
Nel gennaio 2011 è stato nominato dal ministro degli Esteri della Lituania, Audronius Azubalis, presidente di turno per l'anno 2011 dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa OSCE, incarico che ha svolto fino al 31 dicembre 2011. Introvigne è l'autore di più di 60 libri e curatore di nove opere collettive nel campo della sociologia delle religioni. Nel 2001 è stato l'autore principale del libro Enciclopedia delle religioni in Italia, uno dei libri italiani di questo campo più famosi, che nel 2006 ha avuto una seconda edizione ampiamente rivista con il titolo Le religioni in Italia, e una terza nel 2013, ancora con il titolo Enciclopedia delle religioni in Italia. Nel 2010 ha pubblicato un'ampia sintesi, di oltre 400 pagine, dei suoi numerosi studi sul satanismo con il titolo I satanisti.
Nell'ambito della sociologia delle religioni, Introvigne è noto soprattutto per il suo contributo alla teoria dell'economia religiosa, fondata da Rodney Stark e Lawrence Iannaccone negli Stati Uniti. Questa teoria sociologica applica metodi derivati dalla scienza economica allo studio della religione come fenomeno sociale, e usa in particolare la metafora del "mercato religioso" dove "aziende religiose" competono per la lealtà di "consumatori religiosi". Peraltro, come Introvigne sottolinea, questa teoria non riduce la religione al puro marketing ma al contrario dà particolare rilievo al "prodotto" che le "aziende religiose" vendono, cioè alle dottrine.

Introvigne ha fondato nel 1988 a Torino il CESNUR Centro Studi sulle Nuove Religioni, un centro di ricerca sul pluralismo religioso e sulle minoranze religiose. Il CESNUR si occupa di osservare e valutare la nascita e l'espansione dei movimenti religiosi e, più in generale, del pluralismo religioso in Italia e nel mondo. La Biblioteca rappresenta la più ampia collezione europea di volumi sulle minoranze religiose e la seconda al mondo. Il CESNUR, è stato descritto da Roberto Gervaso de Il Giornale come "l'approdo insostituibile e inesauribile per chi vuole conoscere le religioni." Introvigne è stato egli stesso a lungo editorialista del quotidiano Il Giornale - con cui collabora ancora occasionalmente - durante la direzione di Maurizio Belpietro.
 
 
Massimo Introvigne e le Religioni in Italia - Play Video
 

Introvigne ha pure fatto parte del "Groupe de Thèbes" con Rémi Boyer, Triantaphyllos Kotzamanis, Robert Amadou, Jean-Pierre Giudicelli de Cressac Bachelerie, Gérard Kloppel, Christian Bouchet, Paolo Fogagnolo, Jean-Marie d'Ansembourg e altri. Il Gruppo aveva lo scopo di fare incontrare, a porte chiuse, studiosi dell'esoterismo e dirigenti di movimenti esoterici.

A partire dal 2005 Introvigne è emerso come uno dei maggiori critici dell'opera del romanziere statunitense Dan Brown Il codice da Vinci, sia con il libro Gli Illuminati e il Priorato di Sion sia con decine di conferenze tenute in tutta Italia e anche all'estero. Il libro di Introvigne è stato tradotto anche in francese, spagnolo e croato. Nel 2009 e 2010 Introvigne con una serie di articoli e quindi con il libro Il simbolo ritrovato (2010) ha continuato la sua critica a Dan Brown accusando il romanzo Il simbolo perduto di pregiudizi sfavorevoli nei confronti della Chiesa cattolica e favorevoli alla massoneria. Lo stesso Dan Brown, intervistato a proposito delle critiche di Introvigne, ha dichiarato: "L'obiezione di questo critico corrisponde a verità: sono molto più benevolo nei confronti della massoneria che del Vaticano".

Nell'ambito dei suoi studi sui nuovi movimenti religiosi e l'esoterismo, a partire dal 2013 Introvigne si è dedicato particolarmente a mostrare i collegamenti fra l'esoterismo, in particolare nella versione diffusa dalla Società Teosofica, e l'arte moderna partecipando a eventi e progetti internazionali dedicati a questo tema come Enchanted Modernities, Theosophical Appropriations e altri.

Nel 2016, Introvigne ha pubblicato in inglese un voluminoso studio storico e sociologico sul satanismo, Satanism: A Social History (Leiden, Brill). Il libro è stato salutato dai critici come una storia definitiva del satanismo dal Seicento ai nostri giorni. Lo storico svedese Per Faxneld, scrivendo sulla rivista online della American Academy of Religion, Reading Religion, ha notato che il libro rappresenta un'opera nuova, e non una semplice traduzione, rispetto ai precedenti lavori di Introvigne sul satanismo in italiano e in inglese, e consacra lo studioso italiano "tra i padri fondatori del campo degli studi sul satanismo". Faxneld aggiunge che "Introvigne naturalmente non è solo questo, ma è uno dei nomi più importanti nello studio delle nuove religioni in generale". Nello stesso tempo, lo studioso svedese critica la definizione di satanismo di Introvigne come troppo restrittiva, ma conclude che "il libro di Introvigne è la migliore, più dettagliata e più ampia panoramica del satanismo prodotta fino ad oggi" e che è "destinato a diventare un'opera di riferimento fondamentale non solo per lo studio del satanismo ma nei campi più vasti delle nuove religioni e dell'esoterismo occidentale". La nota sociologa britannica Eileen Barker, nella sua recensione del volume, ha affermato di credere a Introvigne quando afferma di aver "raccolto quanto più materiali fosse possibile ottenere sul satanismo" e, riguardo al saggio, di ritenere che Introvigne abbia messo insieme "una conoscenza impressionante dei fatti, delle ipotesi e anche delle falsificazioni con un'abile, e spesso divertente, miscela tra analisi teorica e comprensione sia delle piccole manie sia delle straordinarie profondità dell'immaginazione umana". La Barker ha anche notato che, curiosamente, "se contiamo le pagine bianche alla fine, il volume consta esattamente di 666 pagine".

Critiche sono state volte ad Introvigne per avere testimoniato in favore di Scientology in occasione di un processo tenuto a Lione nel 1996. Introvigne ha risposto di avere testimoniato su e non per Scientology, e di avere rifiutato non solo qualunque compenso ma anche lo stesso rimborso delle spese di viaggio a Lione. La posizione di Introvigne riguardo a Scientology rimane comunque controversa, in quanto è più aperta alla possibilità che si tratti effettivamente di una religione rispetto a quelle di molti critici.
Critiche sono state volte ad Introvigne anche per la sua appartenenza all'associazione Alleanza Cattolica, poiché intaccherebbe la sua neutralità nei riguardi delle religioni. Introvigne ha sempre risposto che le sue attività in Alleanza Cattolica e quelle nel CESNUR, di cui fanno parte anche ricercatori che si dichiarano agnostici o che sono personalmente protestanti, ortodossi e di altre appartenenze religiose sono indipendenti fra loro e non vanno confuse.

 

Bibliografia


"I nuovi movimenti religiosi: Sètte cristiane e nuovi culti", Editrice Elle Di Ci, 1990.
"Gli Illuminati e il Priorato di Sion", ed. Piemme, 2005.
"I satanisti. Storia, riti e miti del satanismo, ed. Sugarco", 2010, Milano.
"Il simbolo ritrovato. Massoneria e società segrete: la verità oltre i miti", Piemme, Milano 2010.
"Islam. Che sta succedendo? Le rivolte arabe. La morte di Osama bin Laden. L'esodo degli immigrati", ed. Sugarco, 2011, Milano.
"Satanism: A Social History, ed. Brill", Leida, 2016.
"Il ritorno dello gnosticismo (Nuove spiritualità)", SugarCo, 1993.

 

 Maggiori Notizie su http://www.massimointrovigne.com/
Sono presenti su Youtube numerosi video con Massimo Introvigne
 
 

Home - Messaggi - Maestri - Autori - Arcana Arcanorum - Corpus Magiae - Biblioteca - Dossier - Napoli - ReligioniLuoghiVitriol - Miscellanea - Filmati