Get a site

Home - Messaggi - Maestri - Autori - Arcana Arcanorum - Corpus Magiae - Biblioteca - Dossier - Napoli - ReligioniLuoghiVitriol - Miscellanea - Filmati

 

 

ricerche a cura del dott. Luigi Braco


 

 

L'Esoterismo di Fernando Pessoa

 

Fernando António Nogueira Pessoa, Lisbona, 13 giugno 1888 – Lisbona, 30 novembre 1935, è stato un poeta, scrittore e aforista portoghese.
È considerato uno dei maggiori poeti di lingua portoghese, e per il suo valore è comparato a Camões. Il critico letterario Harold Bloom lo definì, accanto a Pablo Neruda, il poeta più rappresentativo del XX secolo.
Avendo vissuto la maggior parte della sua giovinezza in Sudafrica, la lingua inglese giocò un ruolo fondamentale nella sua vita, tanto che traduceva, lavorava, scriveva, studiava e perfino pensava in inglese. Visse una vita discreta, trovando espressione nel giornalismo, nella pubblicità, nel commercio e, principalmente, nella letteratura, in cui si scompose in varie altre personalità, contrassegnate da diversi eteronimi. La sua figura enigmatica interessa gran parte degli studi sulla sua vita e opera, oltre ad essere il maggior autore della eteronimia.
Morì a causa di problemi epatici all'età di 47 anni nella stessa città dov'era nato. L'ultima frase che scrisse fu in inglese "I know not what tomorrow will bring... ", e si riportano come le sue ultime parole (essendo molto miope) "De-me os meus óculos!" (Datemi i miei occhiali).

Egli stesso scrisse la sua autobiografia.

Nome completo: Fernando António Nogueira Pessoa.
Età e provenienza: Nato a Lisbona, quartiere dei Mártires, al n. 4 del Largo de S. Carlos (oggi del Directório) il 13 giugno 1888.
Filiazione: Figlio legittimo di Joaquim de Seabra Pessoa e di D. Maria Madalena Pinheiro Nogueira. Nipote paterno del generale Joaquim António de Araújo Pessoa, combattente delle campagne liberali, e di D. Dionísia Seabra; nipote materno del consigliere Luís António Nogueira, giureconsulto e che fu Direttore Generale del Ministero del Regno, e di D. Madalena Xavier Pinheiro. Ascendenza generale: misto di portoghesi ed ebrei.
Stato civile: Scapolo.
Professione: La designazione più corretta sarebbe «traduttore», la più esatta «corrispondente straniero in imprese commerciali». Essere poeta e scrittore non costituisce professione, ma vocazione.
Abitazione: Rua Coelho da Rocha, 16, 1ºD.to. Lisboa. (Indirizzo postale - Casella Postale 147, Lisbona).
Funzioni sociali svolte: Se per questo si intendono cariche pubbliche o funzioni varie, nessuna.
Opere pubblicate: L'opera è essenzialmente dispersa, in varie riviste e pubblicazioni occasionali. Quello che considera come valido in libri o foglietti è il seguente: «35 Sonnets» (in inglese), 1918; «English Poems I-II» e «English Poems III» (sempre in inglese), 1922, e il libro «Mensagem», 1934, premiato dal Segretariato della Propaganda Nazionale nella categoria «Poema». Il foglio «L'Interregno», pubblicato nel 1928, e costituito da una difesa della Dittatura Militare in Portogallo deve essere considerato come non esistente. Tutto ciò deve essere rivisto, e forse molto ripudiato.
Educazione: Poiché sua madre, dopo la morte di suo padre nel 1893, si risposò nel 1895 in seconde nozze con il Comandante João Miguel Rosa, Console di Portogallo a Durban, Natal, venne lì educato. Vinse il premio Regina Vittoria di stile inglese nell'Università del Capo di Buona Speranza nel 1903, all'esame di ammissione, all'età di 15 anni
Ideologia Politica: Considera che il sistema monarchico sarebbe il più adatto per una nazione organicamente imperiale come è il Portogallo. Considera, allo stesso tempo, una monarchia completamente irrealizzabile in Portogallo. Per questo, se ci fosse un plebiscito fra regimi, voterebbe, sebbene con dolore, per la repubblica. Conservatore di stile inglese, cioè con libertà nel conservatorismo, e assolutamente antireazionario.
Posizione religiosa: Cristiano Gnostico e pertanto interamente opposto a tutte le Chiese organizzate, e soprattutto alla Chiesa di Roma. Fedele, per motivi che saranno impliciti più avanti, alla "Tradizione Segreta" del Cristianesimo, che ha relazioni intime con "Tradizione Segreta" di Israele (la Santa Kabbalah) e con l'essenza occulta della Massoneria.
Posizione iniziatica: Iniziato, per comunicazione diretta del Maestro al Discepolo, nei tre gradi minori dello (apparentemente estinto) Ordine Templare del Portogallo.
Posizione patriottica: Appartenente a un nazionalismo mistico, da cui sia abolita tutta l'infiltrazione cattolico-romana, se fosse possibile un nuovo Sebastianismo, che la sostituisca spiritualmente, sempre che nel Cattolicesimo portoghese vi sia mai stata spiritualità. Nazionalista guidato da questo motto «Tutto per l'Umanità, niente contro la Nazione».
Posizione sociale: Anticomunista e anti-socialista. Altro si deduce da quanto è detto sopra.
Riassunto di queste ultime considerazioni: avere sempre nella memoria il martire Jacques de Molay, gran Maestro dell'Ordine dei Templari, e combattere sempre e dappertutto i suoi tre assassini: l'Ignoranza, il Fanatismo e la Tirannia.
Lisbona, 30 marzo 1935 (nell'originale 1933, per apparente lapsus

 

A Pessoa é stata dedicata una casa museo in rua Coelho da Rocha, 16 Campo de Ourique.
Per approfondire l'orizzonte biografico del poeta si rimanda a Wikipedia

 

 

Pessoa e l'Occultismo

 

Fernando Pessoa possedeva legami con l'occultismo e il misticismo, con la Massoneria e con i Rosa+Croce - benché non si conosca alcuna affiliazione concreta in una loggia o fraternità di queste organizzazioni - difese pubblicamente le organizzazioni iniziatiche sul quotidiano "Diario di Lisbona" del 4 febbraio 1935 contro gli attacchi della dittatura dell'Estado Novo di Salazar. Uno dei suoi poemi ermetici più noti e apprezzati nei circoli esoterici si intitola "No Túmulo de Christian RosenKreutz"

 

Sulla Tomba di Christian RosenKreutz

I - “Quando, risvegliati da questo sonno, la vita,
/ Sapremo ciò che siamo, e ciò che è stata / Questa
caduta fino al corpo, questa discesa / Fino alla notte,
che a noi l’Anima ostruisce, / conosceremo allora
tutta la nascosta / verità di chi è tutto che esiste o
fluisce? / No: neppure nell’Anima libera è conosciuta
... / Né Dio, che ci creò, in Sé la include. / Dio è
l’Uomo di un Dio maggiore: / Adam Supremo, che
cadde; / Nostro Creatore, anche lui / fu creato e la
Verità gli morì... / da oltre l’abisso, Spirito Suo, La
vede; / qui non ha nel Mondo, Corpo Suo.

II - Ma prima era il Verbo, qui perduto / quando
l’Infinita Luce, già spenta, / dal Caos, piano
dell’Essere, fu alzata / in Ombra, e il Verbo assente
oscurato. / Ma se l’Anima sente la sua errata forma,
/ in sé che è Ombra, vede infine riflesso, / il Verbo
di questo Mondo, umano e unto, / Rosa Perfetta, in
Dio crocifissa. / Allora, signori della soglia dei Cieli,
/ potremo cercare oltre Dio / il segreto del Maestro e
il Bene profondo; / non soltanto qui, ma già in noi,
risvegliati / nel sangue attuale di Cristo, infine liberati
/ dal Dio che muore alla generazione del Mondo.

III - Ah, ma qui, dove irreali erriamo, / dormiamo
ciò che siamo, e la verità, / anche se alla fine in
sogno la vediamo, / vediamola perché in sogno, in
falsità. / Ombre cercando corpi, se li troviamo / come
sentire la loro realtà? / Con mani d’ombra, Ombre,
che tocchiamo? / Nostro tocco è assenza e vacuità. /
Chi da quest’Anima chiusa ci libera? / Senza vedere,
udiamo oltre la stanza / dell’essere: ma come, qui, la
porta aperta? / Calmo nella falsa morte a noi offerto,
/ il Libro chiuso messo contro il petto, / Nostro
Padre Rosaecroce conosce e tace”.

 

Aveva l'abitudine di richiedere e produrre egli stesso consultazioni astrologiche, grazie anche alla certezza della sua data e ora di nascita.
Una volta, leggendo una pubblicazione del famoso occultista inglese Aleister Crowley, Pessoa vi trovò alcuni errori, e scrisse all'autore perché li correggesse. Crowley fu impressionato dalle conoscenze di Pessoa e, amando molto viaggiare, arrivò fino in Portogallo per incontrarlo. Con lui vi era una giovanissima artista tedesca, Hanni Jaeger, che in seguito corrispose anche con Pessoa. L'incontro fu cordiale, e terminò con il famoso affaire della "Boca do Inferno", nel quale Crowley inscenò con l'aiuto di Pessoa il suo finto suicidio.

 

 

Le prime testimonianze scritte di tali interessi risalgono al 1906. Le ritroviamo in alcuni testi poetici e nel quaderno di appunti del suo eteronimo Alexander Search, dove sono espliciti i riferimenti all’alchimia, l’occultismo e la filosofia ermetica. Ma fra gli oltre venticinquemila documenti che costituiscono lo spoglio Fernando Pessoa nella Biblioteca Nazionale di Lisbona sono tanti i materiali relativi agli interessi esoterici del Poeta. In essi è costante il riferimento alla tradizione ermetica della Chiesa gnostica, che trasmessa in modo occulto ai Cavalieri del Tempio, si sarebbe perpetuata, dopo il loro scioglimento, nell’Ordine di Cristo, nei Rosacroce e nei vari rami della Massoneria europea.
Secondo Silvano Peloso, che ha curato la raccolta "Pagine Esoteriche" del poeta portoghese, il rapporto di Pessoa con la tradizione teosofica e occultista va visto anche “alla luce di un rinnovato interesse per il filone mistico-visionario e profetico della tradizione letteraria portoghese: dal platonismo esoterico di certa lirica di Camões alla grande oratoria barocca di António Vieira, fino a quel simbolismo saudosista novecentesco che, almeno nella versione di Pessoa, reinventando in forme inedite il passato, fornisce a questa poesia un nuovo e più ampio respiro”. La stessa profezia del Quinto Impero, cuore dell’utopia profetica portoghese, acquista così una prospettiva nuova.
Non a caso, nell’opera "Mensagem", scrive ancora Peloso, Pessoa allude “a un cammino iniziatico numerologicamente illustrato già dalle otto lettere che compongono il titolo: queste, come lo stesso Pessoa spiega nei suoi appunti, corrispondono alle otto lettere della parola Portugal, e rappresentano non solo il numero dell’armonia, ma anche le otto punte della croce templare, perfettamente espressa nella pianta ottagonale del convento fortezza che i Cavalieri del Tempio edificarono a Tomar. E quando nel 1317 il re D. Dinis (che proprio per questo Pessoa collocherà nel pantheon dei re-eroi della tradizione portoghese) salverà quel che restava dell’Ordine dalla distruzione totale, inglobandolo nel nuovo ordine di Cristo, la croce delle otto beatitudini passerà sulle vele delle caravelle più tardi lanciate nella grande avventura delle scoperte. L’ordine di Cristo erede e continuatore dell’Ordine del Tempio, si avviava così a realizzare sulla terra la missione ecumenica di cui san Bernardo, D. Dinis e l’Infante D. Henrique erano stati i principali interpreti, e che troverà poi un ulteriore seguito nel sogno profetico e nella grandezza visionaria di quell’António Vieira, definito da Pessoa «l’imperatore della lingua portoghese»”.

 

Roberto Vecchioni parla di Fernando Pessoa - Play Video

 

Il poeta riscopre, quindi, nelle sedimentazioni oscure del pensiero esoterico l’eco delle attese profetiche e dei millenarismi di una memoria storica portoghese mai del tutto sopita, ma reinventa la tradizione ermetica spingendosi oltre la tentazione di un misticismo storico di carattere nazionalista, per aspirare a un traguardo più segnatamente filosofico-esistenziale. “Attraverso la profezia del Quinto Impero, - scrive Giulia Lanciani - Mensagem si inscrive nella corrente profetica, quella che di fatto corrisponde ad una identificazione collettiva e di senso positivo. Ma la sua profezia nasce dal sogno e dalla meditazione ed annuncia un Impero di tipo nuovo, spirituale”. Se è vero, infatti, che il recupero in chiave mistico-simbolica della storia del Portogallo assume il significato di un “sogno” impossibile che riscattasse il destino di un paese oppresso dal salazarismo, per Pessoa diventa il pretesto per ricercare le radici di quella «tradizione segreta del cristianesimo» contrapposta alla Chiesa di Roma, e identificata con il dialogo e con l’apertura a tutte le religioni e tradizioni. I Cavalieri del Tempio, infatti, nonostante le guerre e le forti contrapposizioni, erano entrati in stretto contatto con l’esoterismo islamico, il cabalismo giudaico, lo gnosticismo neoplatonico e il cristianesimo giovanneo. E’ questa ampia prospettiva filosofico-religiosa, accostata alla teosofia, che Pessoa fa propria, riconoscendo alla letteratura e al linguaggio letterario, crocevia fra culture e saperi diversi, il compito di “creare punti di contatto, possibilità di relazioni e scambi fra mondi anche molto distanti”. E’ il percorso della tradizione ermetica, la “ricerca di quel «sincretismo dei pagani e degli occultisti» che, - continua Peloso - fondendo «l’intelligenza analogica e quella razionale», è alla base dell’interpretazione delle profezie e dei simboli a partire da quel grande «trattato di Alchimia scritto in cifra trascendentale» che è rappresentato dalla Bibbia, il Paradigma per eccellenza”.

 


Il sogno alchemico di riunificare la materia e lo spirito esprime, nel linguaggio oscuro dei simboli, l’unione dell’intelligenza materiale e di quella spirituale, i due poteri della Forza, i due lati della conoscenza: da un lato la scienza, la ragione, la speculazione intellettuale, dall’altro la conoscenza occulta, l’intuizione, la speculazione mistica e cabalistica. In questo ambito, Pessoa riconosce alla creazione letteraria un ruolo essenziale, la ricerca di quella Parola Perduta, di quella scrittura magica che portasse «all’elaborazione di una lingua nuova in grado di esprimere e spiegare la natura di tutte le cose simultaneamente», e della quale avevano parlato i Rosacroce. Conclude Silvano Peloso che “Pessoa poteva così procedere a una riabilitazione del ruolo fondamentale svolto dall’immaginazione (e quindi anche dalla letteratura) all’interno di una scienza che, se è veramente tale, non può essere considerata in senso ristretto e limitativo, ma deve venir vista nella « complessità » delle relazioni in cui vive”. Un orizzonte poetico e teorico quello di Pessoa poco esplorato, ma nel quale è possibile cogliere alcune sorprendenti analogie in campo scientifico. Il principio di indeterminazione di Heisenberg (1927) e il teorema di Gödel (1931) sulla indefinibilità dei sistemi formalizzati (Pessoa era giunto alla stesse conclusioni riguardo alla matematica) sono dei validi esempi in tal senso, così come le più recenti teorie probabilistiche, quelle dello sviluppo dei sistemi non lineari, del caos deterministico, fino ai primi passi delle «teorie della complessità». 

Si rimanda inoltre all'interessante studio "Pessoa e l’Esoterismo" di Rosangela Silva Feitosa
 

 

Statua di Pessoa al Chiado - Café Brasileira

 

 

Bibliografia

 
Imminenza dell'Ignoto, trad. e note di Luigi Panarese, Milano, Ed. Accademia, 1972, 337 pp.
O Último Sortilégio, trad. Carmen Radulet, "Quaderni Portoghesi", nº 2, autunno 1977, p. 108.
Una sola moltitudine, 2 volumi, a cura di Antonio Tabucchi e Maria José de Lancastre, Milano, Adelphi, 1979 (portoghese/italiano)
Due racconti del mistero, trad. Amina Di Munno, Genova, Herodote Ed., 1983, 74 pp.
Il libro dell'inquietudine di Bernardo Soares, a cura di Maria José de Lancastre, Milano, Feltrinelli, 1986.
Lisbona: quello che il turista deve vedere, Roma, Voland, 2011.
Pagine esoteriche, a cura di Silvano Peloso, Adelphi edizioni, Milano, 1997, 236 pp. 
E molti altri ... si rimanda a Wikipedia per un approfondimento.

   Riferimenti Utili: Museo - Casa di Fernando Pessoa - Poesie di Fernando Pessoa - Pessoa su Treccani 

 

Sepoltura

La Tomba di Fernando Pessoa si trova al Monastero dos Jerónimos

 

 

Alcune Note su Lisbona città Esoterica

 

"Le origini della complessa fondazione del Portogallo, che intreccia guerre e senso del commercio in un spirito forse dettato dalle tentazioni di un oceano qui compagno della quotidianità, si intessono alle matrici esoteriche di un Ordine antico: i Templari, emersi da un Occidente in cerca della Gerusalemme dorata, messi in ginocchio per poi risorgere con abito nuovo.  Quando lo Stato Cattolico Portoghese sorse, indossando le nuove fulgide vesti dagli spettri delle armature perse nei campi da battaglia, comparve anche la complessa mappa di fortificazioni militari e castelli edificati contro i Mori invasori dai Templari, il cui nome si mutò in Ordem de Cristo dopo la fuga dalla Francia. Oggi ad Almourol, Pombal, Soure o Idanha la Velha rimangono ombre silenziose che per secoli si aggirarono nei corridoi bui, ma è Tomar, un piccolo comune non distante da Lisbona, a palpitare dei sussurri più segreti. Un lungo acquedotto composto da 180 archi attraversa le campagne bruciate dal sole disegnando la strada verso l’intricato labirinto di edifici del Convento dell’Ordine di Cristo di Tomar, le cui epoche si sovrappongono le une alle altre attraverso rifacimenti e modifiche dal XII al XVIII secolo, molte delle quali non esistono più. Posto su sette colline sulle rive del Nabao, affluente del Tago, questo luogo vive di un sistema di riferimenti simbolici la cui interpretazione spesso sfugge irrimediabilmente, persa in un codice di cui non possediamo più le chiavi. E’ una roccia quasi nascosta a recitare l’emblema di una sacralità che giunge da lontano, genius municipi: utilizzato come pietra di fondazione dell’angolo sudovest, l’altare sembra ricondurre gli spiriti degli dei latini testimoniando la preziosità di una costruzione che trae se stessa da un misticismo ben più antico. Il ricercatore ed ex direttore della struttura Álvaro José Barbosa mi racconta con generosità questi ambienti vuoti rendendoli colmi di presenze vive, spalancando le porte nascoste di pertugi introvabili se non alla mano più esperta, come una scala all’interno di una colonna, che dalla Charola, chiesa circolare edificata a somiglianza del Santo Sepolcro di Gerusalemme, dove i monaci guerrieri assistevano alla messa in sella ai loro cavalli, conduce fino alle campane e al tetto, dove nodi e fiori di pietra celano un linguaggio occulto.  Dopo la visita al convento, la tasca Casa das Ratas al 6 di Rua Dr. Joaquim Jacinto, è il luogo perfetto dove ristorare i sensi: mentre il solleone imperversa, assaporate la frescura di questa "bodega" dove assaggiare vini profumati, carne e le delizie di una cucina tradizionale che promette sorprese. Non distante da qui incontrerete il Museu Luso Hebraico Sinagoga De Tomar, la sinagoga del monastero: esile superstite del cinquecentesco quartiere ebraico e simbolo della profonda connessione tra la scienza dei Templari e la Kabbalah ebraica. Poco lontano ecco Santa Maria Oliveira, una piccola chiesa all’apparenza anonima che racchiude la tomba del Gran Maestro, in un silenzio rarefatto. Leggende narrano che esista un percorso segreto utilizzato dai monaci in caso di pericolo, che da Santa Maria Oliveira raggiungerebbe il monastero: una strada sotterranea, il cui ingresso si troverebbe all’interno della pavimentazione. Un condotto celato nei secoli e che pure non valse a proteggere l’Ordem de Cristo dalla sua dissoluzione, nonostante si racconti che ben lungi dallo scomparire, i Templari avessero incontrato l’ultima metamorfosi rinascendo dalle ceneri di se stessi, nel nuovo orizzonte di un Portogallo in viaggio verso le grandi scoperte del XV secolo. Enrico il Navigatore, principe e Gran Maestro dell’Ordine insieme ai Templari, cacciati da un territorio in procinto di cancellarne la presenza, elesse le navi a dimora, finanziando i viaggi per mare. Antiche storie mormorano che fosse questo l’autentico spirito del Santo Graal: l’utopico sogno di una pace condivisa in tutto il mondo, attraverso un giro del mondo durante il quale dialogare con ogni popolo della Terra. Balzando sul tram 28 si vede il Castello di São Jorge che riposa pacifico nella sera, mentre la città palpita saudade fra case che hanno finestre piccole e diseguali incorniciate di colore come lo sguardo intenso di trucco e lacrime delle spose di fronte al mare, in attesa di giovani marinai poco votati alla famiglia.
Se anche voi siete guidati dall’inquietante brivido del mistero recatevi nel cuore del quartiere Rossio e scattate una foto all’elegante facciata del Teatro Nazionale: nonostante la quiete apparente qui ebbe sede il Tribunale dell’Inquisizione. Fra questi palazzi dalle facciate nobili si eleva una storia sordida, sepolta da un sangue che grida in silenzio, inascoltato come solo possono esserlo le voci di chi si perde, tragicamente quanto senza possibilità di ritorno, nella clessidra della Storia, come le anime dei dissidenti imprigionati tra le mura della Torre di Belem, nei pressi del vicino Monastero dos Jerónimos che ospita inoltre un museo archeologico. Dall’altra parte del Rossio si nasconde la duecentesca Chiesa di San Domenico, un edificio gotico all’apparenza silente che cela il dramma della prima persecuzione della comunità ebraica, nel 1506. Voglia di una gita fuori porta? Sintra dista una quarantina di minuti di treno da Lisbona: da secoli considerata la residenza estiva delle famiglie più nobili del Portogallo, questa cittadina ancora oggi sembra incedere ricca di una grazia inconsueta. Puntate la direzione della vostra bussola verso Quinta de Regaleira: farete felici i vostri bambini, ma anche il vostro gusto per la meraviglia. Labirinto di stanze e giardini in fiore, questa casa venne affidata dal proprietario, un eccentrico e ricco portoghese, all’architetto cremasco Luigi Manini. Carvalho, che qui visse insieme all’amatissima moglie e i numerosi figli, aveva escogitato per la progenie una sorta di lezione en plein air tramite un percorso in un metaforico avvio alla strada verso la conoscenza. In questo parco vividamente verde due corridoi portano a un vicolo cieco, simbolo dell’allontanamento da se stessi e della perdita. Il segreto della salvezza? Sapersi affidare all’ascolto. Un flebile suono di vita conduce infatti alla terza strada, l’uscita dalla grotta della psiche nella luce del sole, che un tempo, al termine del corridoio, appariva in una cortina d’acqua oggi scomparsa. Le leggende raccontano che nel parco di Palácio da Regaleira il proprietario avesse fatto costruire questi edifici dal simbolismo complesso in una sorta di mappa mistica, che alcuni affermano connessa allo spirito templare nonché alla Massoneria. La roccia intrisa di una Storia che stento a decifrare mi conduce al Palacio da Pena, costruito sulle rovine di un antico monastero geronimita da Ferdinando II e dichiarato Patrimonio Mondiale dall’Unesco. Sapevate che proprio qui potrete attraversare la camera dell’ultimo re del Portogallo Manuel II?  Ben più tenebrose e selvagge le atmosfere di Castelo dos Mouros, la cui epoca di costruzione risale forse al IX secolo d.C.: nel 1109 il castello venne attaccato dai crociati norvegesi guidati dal re Sigurd e le cronache raccontano di una carneficina tra i guerrieri e i Mori. Oggi rimane denso di dubbi il significato di cisterne semi sepolte tra le foglie del bosco: granai o ingressi ormai dimenticati di tunnel percorsi dai Mori in fuga?"  Fonte: articolo di Maddalena de Bernardi da latitudeslife.com


Per maggiori informazioni si veda il volume "Lisbona Insolita e Segreta" di Victor Manuel Adrião, edizioni Jonglez.

 

Home - Messaggi - Maestri - Autori - Arcana Arcanorum - Corpus Magiae - Biblioteca - Dossier - Napoli - ReligioniLuoghiVitriol - Miscellanea - Filmati